litania di vita

Tra i quaderni
della primavera
scopro boschi di betulle bianche
dove le ombre chiudono i sentieri
lasciati dal tempo
e dai ricordi.
 
Il fruscio
d’ una sorgente
accompagna i silenzi
del dubbio
e disseta la mia voglia
di meraviglia
e di conoscenza.
 
Nella certezza del nord
trastullo i pensieri
tra teoremi ovattati
e pentagrammi di
di canti tribali
orme di storia
riflessi di luce sulla pietra
 
e diventa danza
di parole
spazi musicati dalla poesia
e un sospiro
che diventa vento
tra i rami di foglie immacolate
una giostra di attese
tra i sorrisi rapiti alla notte
 
è litania di vita.
 
  

© “litania di vita” di  Lorenzo de Vanne 

blog alfonsina_yelmar

blog alfonsina_yelmar   (immagine presa dal web) 

Pubblicato in osservazione, riflessioni | 88 commenti

…ungiti di te

Parlami del tuo dolore
della tua angoscia
di quando sei s’un ponte
e non riesci a vedere l’altra sponda
 
di quando sei
al tramonto
e il cielo perde l’azzurro
mentre il buio prende i tuoi occhi
e non riesci a vedere
l’ombra del tuo sorriso.
 
Parlami del tuo dolore
della tua ferita
di quanta pelle hai lacerato
per un sogno
 
di quanto sei
sola nel tuo letto
e strazi la tua carne
in carezze cariche
di vento
 
Parlami del tuo essere donna
di questo sussurro
che è senza tempo
di questa magia
che non riconosci
tra i fiori del tuo giardino.
  
Riprenditi
la chiave del tempio
portaci il tuo odore
            [è la tua dimora]
tra porfidi e basalti
torna di nuovo
l’olio sacro
nella tua fonte
 
…ungiti di te.

  
© ”…ungiti di te” di Lorenzo de Vanne

 blog poesia donna distesa 350

(immagine presa dal web)

Pubblicato in conversazione amorosa, inquietudine, profumo di donna | 63 commenti

oltre

ritorno ancora
su questo ponte d’archi
e di pietra antica
ritrovo orme logore di vento
versi accennati
sulle pagine ingiallite
d’ un taccuino nero

[parole seminate nel silenzio]

avvolge 
questo intreccio
di acqua opaca
e di sguardi persi
movimenti fluidi
tra piloni solitari
e radici orfane di verde

[sospiri rapiti dal tormento]

gocce che gonfiano le vene
della corrente inquieta
tra sole ed ombre
osservo i confini
di pensieri in fuga
oltre quel punto di mezzo
incastro di geometria arcana
più oltre
sopra quella traccia
di argilla e ferro

[dubbi lasciati alla storia]

c’è una croce
no…
forse è una spada!

© “oltre” di Lorenzo de Vanne

caccavale300

(immagine presa dal web)

Pubblicato in cogito ergo sum, osservazione, riflessioni | 69 commenti

destinazione senza ritorno

Scivola
sulla corrente diafana
la barca della vita
nel suo rollio vagabondo
e traverso

taglia
le onde controvento
tra spruzzi di lacrime
e lame d'incertezza
                residui di sale
                nel calice di ambrosia

sulla rotta
d’ una destinazione
                approdo di fuga
                in un’ orizzonte indefinito
salpa il vessillo
d’un sorriso carpiato

sulle  vele
gonfie di sospiri
spinte di prua
sulle tracce d'una luce
                non c’è terra ai confini
                solo un altro ponte

per salpare
di pensieri e parole
oltre quel tratto
tracciato appena
sulle carte d’ una solitaria magia

arriveremo al porto
carichi di dadi e di monete
e giocheremo  ancora
                là
in quell’angolo acuto
la nostra folle partita
con la paura.

Vincerà ancora…"Lei".

© “destinazione senza ritorno”  di Lorenzo de Vanne

AB equlibrista fune 400

Pubblicato in riflessioni | 52 commenti

stasera capisco di nettare e ambrosia

[stasera capisco di nettare e ambrosia
è bastato risollevare il capo
da un secchio di dolore]

i capelli
sciolti di pioggia
scendono convessi
sulle sue spalle nude
intrecciano
pelle di latte
e brividi d’organza

negli occhi
un riflesso di lame
tormento di donna della notte
tra le labbra un sospiro reciso
silenzio di parole taciute
nelle nebbie d’una fuga bambina

                  una lacrima opaca
                  scivola inclinata
                  sul solco d’una avventura
                  tra pastelli di colori sbiaditi
                  dipinti d’un piacere svanito
                  ritrovato sui cigli d’un sogno

      riconosce
      il sapore del giorno
      l’odore del sangue
      il calore d’ un bacio
      è nettare, è ambrosia
      è fiume che porta alla foce

[stasera capisco
…di dolore
e di piacere]

© “stasera capisco di nettare e ambrosia” di Lorenzo de Vanne

(l’incipit di questo test è un commento anonimo lasciatomi in calce alla poesia "latte di mandorle e miele" che mi ha subito colpito, da suscitarmi mille ed uno pensieri, tra cui questo…)

ZZZPOSTcapelli umidi

(immagine presa dal web)

Pubblicato in osservazione, riflessioni | 42 commenti

la perfezione del silenzio

Talvolta il silenzio arriva
come un’onda di marea,
pian piano,
senza bussare,
ci prende,
ci avvolge,
mentre il tempo scorre impietoso,
litania di attimi fuggenti,
senza riguardo per i nostri indugi,
per la nostra prudenza.

Talvolta il silenzio arriva
e ci trova davanti ad uno specchio,
con gli occhi umidi di voglia,
si scoprono parole mai dette,
pensieri mai condivisi,
desideri nascosti
nel buio delle nostre paure.

Talvolta il silenzio arriva
e ci trascina in una giostra di ricordi,
di rimorsi e di rimpianti,
di perché senza risposta,
e di certezze senza domande.

Talvolta il silenzio arriva
e diventa compagno della nostra inquietudine,
ci conduce in dimore sconosciute,
in terre ai confini della meraviglia,
alla ricerca di un suono,
la cui eco vibra dentro di noi.

Talvolta il silenzio arriva
appeso ad un aquilone di colori,
e ci porta il fruscio di un sorriso,
l’alito del vento caldo dei sogni,
il sussurro d’una nuova poesia.

Talvolta il silenzio è necessario
per potersi ritrovare.

© “La perfezione del silenzio” di Lorenzo de Vanne

silenzio400

(immagine presa dal web)

 

Pubblicato in riflessioni | 48 commenti

ossessione d’un viaggio

io sono Lui e l’Altro
alchimia di storie
e di sogni
fuggo tra i boschi
per ritrovare la luce d’una traccia
fardello del tempo che sa

disegno
tra le rive
un arco di luna
simposio di parole
e di versi

tra l’alfa e l’omega
nel cielo terso di voglia
un volo di gabbiano
intarsia una linea
traiettoria di stella cadente

sulla terra il riflesso
d' una visione
…ossessione d'un viaggio

 ©”ossessione d’un viaggio” di Lorenzo de Vanne

 BLMontsegur-escalier

(immagine presa dal web)

Pubblicato in cogito ergo sum, riflessioni | 34 commenti