…è l’Appia

È un cielo
di stelle accennate
c’è luna piena
stasera
icona d’ argento
fantastica solitudine
 
su queste pietre
schiacciate dal tempo
le ruote della storia
hanno segnato tracce
di lacrime e sangue
 
questa strada
maledizione di schiavi
tappeto d’ allori 
oltraggiata da eserciti avidi
della gloria di Roma
 
c’è un profumo di amori rubati
su capitelli dispersi nell’oblio
gemiti tra silenzi d’ anime
sacrificate alla fede
odore di tempo
paura di morte
su orme
di un credo compromesso
da umani
perduti nell’onnipotenza
 
è l’Appia
 
compagna di pini
e di ruderi
di civiltà abnegata
la nostra voglia di cantare le gesta
si respira silenzio
-stasera-
tra tombe profanate
ipnosi della banalità
 
un canto sottovoce
muove
questo sguardo severo
oltre
la memoria.

appia-antica

Annunci

Informazioni su Lorenzo de Vanne

si..sono Lorenzo, un pò angelo e un pò demone, curioso della vita e della morte, della mente e dello spirito, della donna ... della parola...del silenzio! Io, vagabondo senza quiete, in cerca delle tra
Questa voce è stata pubblicata in osservazione. Contrassegna il permalink.

44 risposte a …è l’Appia

  1. PostIda ha detto:

    Ora più che mai s’avverte il funambolo del tempo che c’è in te, così proteso su un acciottolato antico, meravigliosamente sentito in un versaggiare pacato,mai scontato, fatto d’un lessico pregevole( eccezion fatta per quel”abnegata”che urta un attimino la musicalità del verso), accurato, quasi contenuto per non apparire sdegnosamente celebrativo.Poliedrico nelle tematiche, sei riuscito anche in questa composizione a rendere un’immagine statica intesamente pregna di dinamiche tutte umane, che si traduce magistralmente in un canto che incanta….
    Buon inizio di settimana.
    Carmen

  2. Stefy71 ha detto:

    Da romana non posso che apprezzare per stile e contenuto.
    Bravo e versatile nelle tue opere.

  3. StregaLunare ha detto:

    E se tu cammini l’appia…io tra i boschi ho ascoltato i ciottoli della vecchia flaminia che attraversa silenziosa.. il crinale della via degli Dei..
    E tra faggi e castagni di un appennino misterioso si sentonbo gli stessi echi come tu hai descritto…
    Ottima questa tua poesia che si frammenta tra il reale e il passato..
    Un Bacio

    Dalila

  4. StregaLunare ha detto:

    Non ci credo…tutto il commento è andato perso…a volte ci rinuncio a questa piattaforma…

  5. ombrellina ha detto:

    anch’io da romana non posso che trovarla ancora più bella.
    ciao! Ombrellina

  6. ladilunaa ha detto:

    il tempo è giocoliere esperto cancella i volti che fecero la storia e lascia pietre a ricordarli…anche se lente si lisciano consumandosi…la tua è una posia a tuttosesto, non ci si stanca mai di keggerti
    buenas tarde

  7. bastapoco ha detto:

    quanta storia tra le strade di roma e quante emozioni che i tuoi versi magicamente hanno condiviso con noi.
    splendida, lorenzo
    un abbraccio

    Antonella

  8. mada1967 ha detto:

    Gli apprezzamenti li hai avuti…..non mi resta che continuare a leggerti con piacere….sublimizzando la scrittura intrinseca di forti sentimenti….
    E Roma si presta al piacere dell’arte dello scrivere.

  9. sognodiluce ha detto:

    buon pomeriggio Lorenzo
    c’è tra le pietre antiche un sentore
    di trascorso che si svincola su fili
    di tempo imbastito in quest’oggi
    dove osservando resti di grandi civiltà magari meditiamo sull’evoluzione del nostro essere
    inteso come essenza pensante
    in perenne mutazione di se stesso
    poesia intensa e profonda
    che ho molto apprezzato
    grande Lorenzo
    con stima e affetto
    un abbraccio
    Carol

  10. Morfea77 ha detto:

    [a breve sentirò di nuovo aria di roma…bacio]

  11. eufemiaG ha detto:

    ha ragione PostIda, artista poliedrico, dotato di raro talento, mi spiace passare poco…ma ho sempre poco tempo.
    Eppure sostare sui tuoi sentieri è sempre un raro piacere
    splendide le due ultime poesie

    Ad una ad una
    si affacciano nel freddo
    le stelle
    Tan Taigi

    Un abbraccio
    Eufemia

  12. Angelvenus1 ha detto:

    …è bello camminare con te i passi del tempo…sei bravissimo a portarci i profumi di una volta…delle cose belle…delle cose che hanno sofferto…questa è la strada del tutto…

    Un bacio e buona settimana 🙂 Lia

  13. CristinaKhay ha detto:

    E’ ricreata quell’atmosfera sospesa nel tempo…
    così come nella coscienza…
    E’ un limbo di riflessione dove la mente interroga sè stessa, per capire…
    Quando non basta solo vivere…

  14. infinitaunica ha detto:

    E tu cammini verso l’Appia antica nel silenzio ascoltando la tua anima…..il silenzio che dolce armonia…….un bacio….Anna..

  15. Morfea77 ha detto:

    [in fondo è vero…io sono carne straziata]

  16. shedar23 ha detto:

    scrivi in un modo che… solo… davvero complimenti.. blog splendido e “carico” … “odore di tempo
    paura di morte
    su orme
    di un credo compromesso” .. bellissimo…
    ci tornerò!

  17. TartaMara ha detto:

    Questa strada è una vera icona, forse la vera icona di Roma.
    La via d’accesso “principe” che venne usata anche dagli americani 🙂
    E mi stupiscono due coincidenze:
    domenica mattina, avrai visto che bella giornata, ero a spasso a Porta S. Sebastiano e quella luna, i suoi riflessi, hanno ispirato la poesia che hai letto e che ho scritto la sera stessa.
    E dici bene! Quando ero ragazzina si transitava in macchina e dietro ogni rudere o lapide si trovava Amore 🙂
    Natura viva dietro la natura morta ehehehe.
    La sento molto ispirata, davvero.

  18. Ethelweis ha detto:

    Grazie poeta sublime,ci si prova:-)
    Kiss,Godiva:-*

  19. enneby ha detto:

    “c’è un profumo di amori rubati
    su capitelli dispersi nell’oblio”…percorsi ripercorsi, le tue parole narrano il fluire del tempo sotto un cielo spettatore e quiete s’adagia negli occhi del tuo sentire…ho colto in trasmissione di versi la poesia vera dalla tua penna d’artista…grazie Lorenzo per questo e altro che poi ti spiegherò…con stima Nunzio

  20. fagnimat ha detto:

    Sai conservare bene le tracce di un’anima…se riesci a scrivere versi così stupendi su una antica via romana! Ti leggo sempre con curiosità e ogni volta mi lasci un fantastico retrogusto di dolcezza!!! Quello che ci vuole dopo giornate intense e di corsa…giornate senza il senso dell’orientamento, che segnano la mente e l’anima e le avvolgono in un torpore frettoloso!!! Un sorriso Rosanna

  21. lucialabella ha detto:

    con i tuoi versi sto volando
    dentro i ricordi e con i tuoi occhi..vedo
    applauso
    Nefer

  22. Melarea ha detto:

    Che splendida terra che puoi descrivere Lorenzo!!! pensa che il mese scorso ci sono stata per incontrare gli amici bloggers…Con un po’ di fortuna, avrei potuto conoscere anche l’autore di questi magnifici ed impareggiabili versi!!!
    🙂

  23. claudine2007 ha detto:

    Luna che illumina questi tuoi versi, assumendo i contorni vetusti delle vestigia rimaste, spettatrice di desideri repressi… E della “paura di morte su orme di un credo compromesso da umani perduti nell’onnipotenza”. Parole forti, Laurent, che portano il lettore a riconsiderare ogni pietra, ogni capitello, ogni minuscolo ciottolo. Umana dimensione in un olimpo d’ideali per noi troppo grandi. Una forza arcana per portare lo spettatore a confrontarsi con il passato glorioso, che mai più ritornerà. Ciò che è stato, lascia solo traccia… nella storia e nelle nostre Menti immortali. Non sia severo lo sguardo, che si posa sulle reminescenze del tempo trascorso. Ormai non più ci appartiene! Sempre mi incanti, con la soave magia delle tue parole, come un soffio… che mi respira! Grande… Poeta! Un bacio :-)claudine

  24. sonoionaima ha detto:

    quanti sospiri ci ho lasciato lì sopra… splendida descrizione di un posto antico e moderno pieno di fascino.
    grazie per le emozioni.

  25. betsabea47 ha detto:

    Monsieur…;-)))

  26. Ethelwriter ha detto:

    Buon pomeriggio:-)
    Kiss:-D

  27. simonascudeller ha detto:

    – regina viarum – così l’Appia venne denominata
    una delle vie più antiche di Roma che racconta la storia della città eterna
    La particolarità di un testo a tema storico, o meglio, che ha come soggetto la materia tangibile della storia, in questo caso una strada, è che stimola la volontà di approfondire sul tema.

    Qui si racconta con gli occhi di chi vive e sente l’armonia di luogo nelle varie sfaccettature
    fotografie scattate da punti di vista immaginari a muoversi lentamente come nel fluire del tempo

    l’ambiente subito si manifesta al chiarore di una luna che da’ colore alle ombre ed introduce ciò che è la vita della strada stessa
    la pavimentazione della via credo sia di origine vulcanica ed il percorso segue quella che era stato il corso della colata del vulcano Laziale ( adesso ci sono i colli Albani )
    quindi la storia va ben oltre l’inizio della realizzazione.. è una strada nata per oltrepassare lo spazio ed il tempo e su di essa intercci di storie si sono succedute senza cancellarne la gloria
    Libro di infiniti racconti che accoglie e conserva in se’ la magia del tempo

    In questa poesia si respoira l’aria di quella magia
    nella prima parte vi è la presentazione, introduzione come dicevo fino al momento in cui l’Appia viene nominata e diviene protagonista in una descrizione più familiare, più intima ed attuale
    riporta al tempo della contemplazione fisica e presente di una persona che aasorbe tale energia nell’aria
    l’assorbe con i sensi

    Avevo già letto questa splendida Poesia tempo fa e oggi con un po’ più di occhio critico e un po’ di consapevolezza sulla lettura ne ho apprezzato meglio il significato

    Bacio
    Simona

  28. LeonildeV ha detto:

    Descrizione incantevole!!!

  29. Morfea77 ha detto:

    Mai che si tocchi il centro delle cose,
    ma sempre laterali a raccogliere i frantumi
    di quelle particelle che si staccano
    da ogni superficie, il luccichio perduto.
    E quel che resta è lì, ognuno può vederlo

    (Patrizia Cavalli)

  30. RiflessiRossi ha detto:

    Son emiliana…. ma devo dire che Roma è nel mio cuore………stupenda questa immagine..e tu… tu.. tu…di piu.. un sorriso Mia

  31. doy ha detto:

    una passeggiata che riporta nel passato, chiedendo silenzio ad una civiltà che ha perso il senso del vivere…
    poesia che è riflessione…
    riflessione che ritorna ad essere poesia…
    passi su passi su una via antica…
    bellissima
    do’

  32. SempreGio ha detto:

    Bellissimo tornare a rileggere i tuoi versi… la via della storia… delle emozioni e della memoria che si perpetua nel tempo…
    ti abbraccio con affetto
    Gio

  33. Nikita64s ha detto:

    un abbraccio…:-))

  34. infinitaunica ha detto:

    buongiorno Lorenzo ti auguro una giornata splendida come quì da noi solare e colorata dai suoi raggi……
    un dolce sorriso per te…..Anna..

  35. Morfea77 ha detto:

    [allora ho fatto un ottimo lavoro…volevo dare vita al quadro]

  36. m0rgause ha detto:

    sono ritornata con te sulla via Appia; grazie di avermi fatto sognare, per un attimo. kiss enri

  37. sognodiluce ha detto:

    buon pomeriggio Lorenzo
    son passata per un saluto e un abbraccio
    con stima e amicizia
    affettuosamente
    Carol

  38. romanticaperla ha detto:

    Davvero bella la via appia io ci sono stata ieri.

    buon pomeriggio
    vany

  39. anonimo ha detto:

    Ci hai regalato Lorenzo dei versi molto intensi,riportandoci indietro nel tempo a respirare la storia di Roma sull’Appia ,una lunga strada costruita con perizia che divenne, man mano che fu prolungata nella sua realizzazione,un ponte di collegamento tra Occidente e Oriente,unendo Roma a Brindisi, all’epoca il porto più importante per avere accesso alla Grecia e l’Oriente.In questa passeggiata solitaria il tuo sguardo attento ha saputo cogliere il fascino che l’Appia antica,area protetta, ancora conserva,testimone di avvenimenti ,ricca di reperti archeologici di notevole interesse storico molto spesso profanati e deturpati nella loro bellezza, sapori e sensazioni vissute su questo tragitto impresse nella memoria fino all’origine della storia stessa.Complimenti,è sempre un piacere leggere le tue poesie con stima e affetto.Marilena :-)))

  40. sognodiluce ha detto:

    buongiorno Lorenzo a te e ai tuoi splendidi versi
    un abbraccio
    con affetto e stima
    Carol

  41. SempreGio ha detto:

    Buongiorno Lory ti auguro uno splendido we che possa appagare tutti i tuoi desideri tranne uno… perchè nella vita bisogna sempre desiderare qualcosa :-)))

    un bacione Gio

  42. ReSpirandoti ha detto:

    Antica strada, che fa tendenza con i tuoi versi sempre attuali…bello leggerti anche così.

    Serenella…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...