sono di nuovo qui…

Ebbene, si!
Eccomi di nuovo qui.
Come avrei fatto, d’altronde a restare senza la magia dello scrivere e del leggere di poesia?
Ritorno qui, con qualche certezza in più, e qualche dubbio (o rassegnazione?) in meno.
 
Certo è che la consapevolezza di vivere questo incanto, permette alla fine di superare ogni perplessità.
Riprendo il cammino sulle “tracce della mia anima”, ringrazio quanti hanno partecipato al commento del mio intervento precedente, alcuni molto attenti e interessanti.
Riprendo il cammino in questo “percorso” dove la poesia resta l’unico strumento di comunicazione per esprimere, ed esprimermi, mentre nelle pause mi ritiro nella mia “Domus” una dimora virtuale che ho aperto in questi giorni, alla riflessione, alla conversazione, Vi aspetto là, dopo la lettura delle mie tracce, con la certezza che il confronto, e la complicità intellettuale restano i cardini della ricerca della conoscenza.
 
”Domus ” di Lorenzo de Vanne

Voglio, in avvio di questa nuova fase, proporre qui su “Tracce”, un testo inedito, attuale o attualizzato, e un testo già pubblicato sul questo blog, seguendo proprio l’ordine progressivo degli inserimenti, visto che proprio in questi giorni ricorre il primo anniversario della mia venuta nel mondo “splinder” .
e di nuovo poesia…..
 
 
 
Oltre
 
oltre il confine
dove la notte
risplende d’ incertezze
in quel giardino
di sogni surreali
nebbie dense
follia in polvere
 
oltre lo scoglio
che respinge il mare
terra promessa
d’ eterno vagare
zolla dopo zolla
per arare la mente
di perché
 
oltre di noi
paura pressante
nel cercare la luce
riflesso di verità
celate
al nostro coraggio
 
oltre quel sogno
che distrugge
la speranza
-malgrado noi-
 
 
oltre 
 (foto presa dal web)

Sophia (pubblicata il 2 aprile 2007)
 
si consuma
il sigaro antico,
tra le mie labbra
umide
 
carezze di fumo
odorose di tabacco,
affievoliscono lo sguardo
stanco di sospiri,
sono gesti incantati
 
la mia mano accompagna
questo rito
di piacere promiscuo,
aspetto
all’orizzonte già oscurato,
il bagliore della prima alba
 
ancora un notte di pensieri,
brucia la fiamma tra le dita
odorose di sesso,
mentre la mente 
galleggia nella vaga speranza
di uno sguardo oltre quella cornice,
colorata di stagioni consumate
 
la schiena non si lascia piegare
e lascia che il sonno,
disegni ancora spazi
al pensiero di questo tormento
 
-nella follia per “sophia”-
 
Annunci

Informazioni su Lorenzo de Vanne

si..sono Lorenzo, un pò angelo e un pò demone, curioso della vita e della morte, della mente e dello spirito, della donna ... della parola...del silenzio! Io, vagabondo senza quiete, in cerca delle tra
Questa voce è stata pubblicata in cogito ergo sum, inquietudine, riflessioni. Contrassegna il permalink.

33 risposte a sono di nuovo qui…

  1. Angelvenus1 ha detto:

    Bentornato Lorenzo 🙂

    Ci hai offerto per il tuo atteso ritorno due perle stupende…con emozioni diverse ci avvolgi come sempre di fascino e sensazioni sublimi…

    Buon fine settimana ed un abbraccio…Lia

  2. StregaLunare ha detto:

    Contenta di rileggerti caro Lorenzo, davvero un piacere.
    Già un anno??
    Come va veloce il tempo, corre come un Etr..
    Sono passata anche dalla Domus, sono proprio curiosa di vedere che ne esce.
    Visto l’orario fuori orario e una sonnolenza a intermittenza, non mi inoltro nelle poesie, ma lo farò di sicuro domani.
    Un bacio
    Dalila

  3. Stefy71 ha detto:

    Bentornato Lorenzo, mi fa piacere poter rileggere le tue poesie. Visiterò con calma la tua Domus. Per adesso ti abbraccio Stefania

  4. anonimo ha detto:

    A bien tôt, mon cheri!!
    Je t’embrasse :-)claudine

  5. maxilpoeta ha detto:

    ritrovo con gran piacere l’incantevole arte del tuo fare poesia.
    Le tue pagine sono raffinati quadri di meditazione e stile.

    Bravissimo!!!!

  6. anonimo ha detto:

    ero certa del tuo ritorno…sono sempre passata dalla tua casa,in attesa di leggere le tue perle…grazie, stavo andando a dormire, sono anche sloggata, ma non potevo uscire senza salutarti
    feliz noches lorenzo

    Ladylù

  7. TerribileStella ha detto:

    Entrambe molto belle, ma chi sa, forse la freschezza di questo pezzo inedito, mi trascina un po’ di più.
    Un caldo bentornato, e un sincero “mi sei mancato”
    A presto, nella tua Domus, e se mai vorrai, nella “mia”…
    TS

  8. sognodiluce ha detto:

    Son lieta che tu sia qui Lornzo
    con la tua poesia intensa e viva
    e il tuo donarti agli altri senza calcoli
    o falsità
    bentornato
    un abbraccio
    con affetto e stima
    Carol

  9. Ethelwriter ha detto:

    Sono lietissima del tuo rientro,perchè leggerti è sempre un sommo piacere..
    Un bacio,Ethel^^

  10. Angelvenus1 ha detto:

    Buona settimana 😉

    Un bacio…Lia

  11. anonimo ha detto:

    troppo carino il tuo blog…

  12. m0rgause ha detto:

    sei tornato….
    che bello ne sono felice;
    la parola scritta per me ha un potere immenso. e tu mi piaci assai assai…lorenzo. enri**

  13. SempreGio ha detto:

    Bentornato è splendido sapere che sei tornato
    come sempre le tue parole suscitano belle emozioni
    un bacione Gio

  14. fagnimat ha detto:

    Bentornato Re di Speranza…è un piacere rileggerti! Secondo me ogni tanto una pausa ci vuole…uno stacco, una riflessione…dal blog…come da tutto! E sono felice che tu sia ancora qui!
    Un sorriso
    Rosanna

  15. simonascudeller ha detto:

    L’altro blog è impegnativo e mi ha distratto da quella che poi è la dimensione che forse più mi è congeniale, eccomi qua a “commentare” all’origine, laddove riflettere è più complesso perchè il tuo pensiero deve essere decodificato,
    difficoltà ed attenzione diversa quindi!
    Due testi che nascono e si muovo nello stesso emisfero in cui segni del tormento e della smania di conoscenza si riflettono poi sulla direzione della ricerca, per arrivare dove ha inizio il tormento stesso.
    La dannazione sta proprio nella chiusura di un cerchio che riporta inevitabilmente al proprio essere.
    Sophia è una poesia sensuale che descrive il rito di quel percorso, fumare il sigaro credo sia una delle immagini più affascinati a cui assistere pur non amandone l’odore, come spogliare una donna e cogliere di lei l’essenza del piacere, come scoprire la propria anima a piccoli passi.
    “Scene” che messe a confronto con l’intento di sviscerarne il significato si sovrappongono. Non credo che la scelta d’esporre il tema in questi termini sia casuale.
    Questa poesia è legata ad “Oltre” per diversi aspetti ne ho individuati alcuni secondo me sono più evidenti e marcati
    la follia ( anche un cieco l’avrebbe vista no? )
    il confine ( individuato, verso cui la tensione e l’intenzione è il superamento )
    l’ostinazione a non cadere alla mestizia dell’incoscienza ( non-coscienza )

    Mi è sembrata molto particolare, nell’ultima quartina di “oltre” la contrapposizione tra sogno e speranza; in genere, nella concezione comune i due termini portano alla stessa conclusione di significato, qua invece si annullano in continua evoluzione malgrado le volontà..
    L’avverbio di luogo ripetuto e rimarcato a capo di ogni verso ricrea quell’atmosfera di moto perpetuo che nutre il proprio movimento, il cerchio a cui ho fatto riferimento poco sopra!
    Può risultare ad una prima lettura una condizione di forzatura in realtà esprime la volontà di oltrepassare quel confine che lega la ragione a fattori ambientali che posso indurre alla staticità dell’anima.
    Smona Scudeller

  16. Ethelweis ha detto:

    Carissimo..rinnovandoti la mia contentezza x il tuo ritorno..ti lascio un abbraccio,Godiva^^

  17. Tremendissima ha detto:

    Bentornato,mi ha fatto molto piacere trovare un tuo commento.

  18. Morfea77 ha detto:

    [piacere immenso rileggerti qui…ho sbirciato l’altrove…non sono molto brava nelle discussioni…troppo incasinati i pensieri miei…preferisco la poesia…assolutamente]

  19. TartaMara ha detto:

    Eccoci qui!!!! pensavo che da molto più tempo tu avessi il blog e adesso mi faccio il giro alla casa delle vacanze 🙂
    Non ho difficoltà ad intuire la ricerca di nuove e diverse dimensioni. Sono momenti in cui tutto sta stretto e si prova, si disfa, si riprova…
    Lo hai fatto condividendo, rendendo noto, senza averne l’obbligo.
    Il questo modo le porte non saranno mai chiuse a chiave. Secondo me è il modo giusto.
    Mara

  20. mermaid74 ha detto:

    Bentornato Lorenzo….bentornato tra queste pagine e tra le pieghe del tuo cuore, della tua passione e del tuo tormento…a volte ti leggo come un anima alla deriva…..forse perchè in questo momento mi ci sento….un abbraccio

  21. rakel48 ha detto:

    Ritrovare la tua arte di fare Poesia è per me un arricchimento dell’anima.

    Un affettuoso buon ritorno

  22. Angelvenus1 ha detto:

    un caro saluto…Lia

  23. Ethelweis ha detto:

    Grazie caro Lorenzo!Un piacere x me rileggerti nel mio blog..^^
    Sai che ti seguo sempre,un bacio,Godiva^^

  24. rose74 ha detto:

    Ben Tornato anche da parte mia..
    spero di ritrovare anche io il mio percorso..

    Runa*

  25. LeonildeV ha detto:

    Innanzituto mi fa molto piacere che tu sia ritornato :)… queste tue poesie non le avevo ancora lette… davvero molto molto belle :)))

  26. BELDESCUSILVIAA ha detto:

    Grazie Lorenzo, che belle parole ci porti sempre, LA MAGIA che fa parte di te, la Magia che ci seguie sempre, sopratutto noi poeti, eterni sognatori!!!
    Abbracci di cuore..Silvia

  27. Aleteia ha detto:

    Se le mie parole sono servite a qualcosa ne sono veramente contenta.
    Sempre disponibile ad un dialogo intelligente e costruttivo.

    Vengo a vedere il tuo nuovo blog…
    M_

  28. Infernalia ha detto:

    Be’, grazie per il commento, ho apprezzato. E ben tornato.

  29. ortensia53 ha detto:

    Contenta di ritrovarti qui, sapevo che non saresti stato capace di stare lontano da noi.
    Ho riletto questa poesia che allora mi aveva colpito per la calda atmofera tra fumo e profumo di pelle e di sesso.
    Direi coinvolgente ed avvolgente.
    Tra nebbie e umori.
    Davvero bella!
    Ciao a presto rileggerti
    Franca

  30. Melarea ha detto:

    Un ritorno in grande stile noto!
    Non so se torni da una vacanza o da una pausa di riflessione ma, in ognuno dei due casi, sei ritornato più ricaricato che mai 🙂
    Sempre eccelsi i tuoi versi. Sempre di più.
    Un abbraccione e bentornato
    Mela

  31. RiflessiRossi ha detto:

    Ben tornato… che bello rileggerti… stupende entrambe….dense di emozioni… un sorriso Mia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...