destinazione senza ritorno

Scivola
sulla corrente diafana
la barca della vita
nel suo rollio vagabondo
e traverso

taglia
le onde controvento
tra spruzzi di lacrime
e lame d'incertezza
                residui di sale
                nel calice di ambrosia

sulla rotta
d’ una destinazione
                approdo di fuga
                in un’ orizzonte indefinito
salpa il vessillo
d’un sorriso carpiato

sulle  vele
gonfie di sospiri
spinte di prua
sulle tracce d'una luce
                non c’è terra ai confini
                solo un altro ponte

per salpare
di pensieri e parole
oltre quel tratto
tracciato appena
sulle carte d’ una solitaria magia

arriveremo al porto
carichi di dadi e di monete
e giocheremo  ancora
                là
in quell’angolo acuto
la nostra folle partita
con la paura.

Vincerà ancora…"Lei".

© “destinazione senza ritorno”  di Lorenzo de Vanne

AB equlibrista fune 400

Annunci

Informazioni su Lorenzo de Vanne

si..sono Lorenzo, un pò angelo e un pò demone, curioso della vita e della morte, della mente e dello spirito, della donna ... della parola...del silenzio! Io, vagabondo senza quiete, in cerca delle tra
Questa voce è stata pubblicata in riflessioni. Contrassegna il permalink.

52 risposte a destinazione senza ritorno

  1. solesenzanuvole ha detto:

    Buon fine settimana, un abbraccio

  2. qualquna ha detto:

    bella davvero!
    grazie al tuo passaggio!
    a rileggerci!

  3. cate.sinclair ha detto:

    …la barca della vita…ognuno la sua personalissima barca…
    è un piacere anche per me passare a leggerti
    Buon fine settimana!

  4. LaLupa67 ha detto:

    la barca della vita… taglia le onde controvento… tra spruzzi di lacrime…

    sono senza parole…
    soltanto una lacrimuccia…
    baci!

  5. isabel49 ha detto:

    Una poesia che fra calici di sale e paura verseggia sulla situazione del momento vissuta dai popoli in fuga, popoli che approdano alle nostre coste con la speranza di un futuro. In ogni verso si colgono le sensazioni, le angosce, le speranze dei migranti attanagliati dalla "paura".

    complimenti per le immagini, il lessico e la struttura di questa bellissima lirica.
    un abbraccio domenicale
    annamaria

  6. saganne ha detto:

    èaffascinante e magica questa tua poesia
    mi ha colpito molto il tuo calice d'ambrosia

    i tuoi versi sono molto romantici e ti descrivono con un cuore delicato e dolcissimo

    altro non dico…

    buona domenica

    ciaooo

    kiss

  7. rose74 ha detto:

    ..senza un destino..senza un ritorno..di solo vento e senza voce
    un canto vibrante * sulle corde del cuore

    …che il sole porti solo il primo raggio di una luminosa primavera*
    Buona Domenica da Runa

  8. stoka ha detto:

    Grazie del commento 🙂  trovo molto interessante anche il tuo il tuo blog!
    (Debbo dire che mi ha colpito anche l'immagine della spada 🙂 )

  9. Francescafutura ha detto:

    Una bella barca questa tua, nonostante le paure e gli accadimenti indesiderati, nessuno vuole scendere per primo…almeno per me è così.
    Mi dispiace la rassegnazione in chiusa, spero sempre di vincere i miei demoni io.
    Bellissimo il verso 
    "salpa il vessillo
    d' un sorriso carpiato"
    molto originale

    grazie

    frantzisca

  10. Danysweet ha detto:

    Le parole salpano per portarci in posti dove mai siamo stati.. per farsi vivere sensazioni mai provate… che catturiamo li sul foglio.. bianco
    Buona domenica

    Il Micio

  11. mimosa49 ha detto:

    …Non c'è terra ai confini…

    è la poesia che non ti fa approdare.

    Navigando fra pensieri, procede la vita.

    Buona serata, caro Amico

  12. ventidiprimavera ha detto:

    Il tuo è un canto intenso disperato che
    trabocca di incertezze…
    Appeso a quel filo di vita con quella paura…
    Ti abbraccio Lorenzo
    Dolcissima notte
    Michelle

  13. maipersempre ha detto:

    la paura non potrà mai abbandonare l'essere umano…è insita nel suo essere…ma non la vedrei proprio come una vincita, ma un camminare sempre fianco a fianco, consapevoli l'uno dell'altra…anche quando dovremo scendere da quella nave…

    un abbraccio

  14. katia1408 ha detto:

    La barca della vita,  che spesso trabballa è fa acqua…
    Un dolce sorriso per un buon inizio di primavera-….

  15. Annelu ha detto:

    Oh Lorenzo! Questa poesia è davvero stupenda… è incanto , anima e sospiri…  sei sempre più bravo e avvolgente,  le tue parole sono come una carezza che lascia traccia nell'anima e  nei sensi …si, vincerà ancora lei, origine e fine del mondo, lei… Sophie

  16. theallamente ha detto:

    viaggio difficile, tormentoso, inevitabile
    nella realtà dell'onda che sempre ci travolge
    e così è

  17. LadyElly ha detto:

    Buona giornata ,bacione !!

  18. happysummer ha detto:

    Una poesia bellissima che culmina negli splendidi versi finali, la folle partita con la paura, che si vorrebbe sconfiggere ma esce sempre vincente!

  19. Gardenia ha detto:

    Doloroso iter a cui solo la grazia della poesia può arrecare sollievo.
    Abbraccio.
    g*

  20. harielle ha detto:

    Scivola lenta, naviga via,
    arca dei desideri, nave dei pensieri,
    su acque lisce che riportano le nostre anime
    libere e inquiete
    al mare dell'esperienza…

    Una bella poesia ricca di metafore, un po' triste. Quella Lei non vince, però, perchè, quando c'è lei non non ci siamo, Epicuro docet.
    Un abbraccio, Lorenzo

  21. cjrce ha detto:

    dolce notte poeta!

  22. Rose65 ha detto:

    … incantevoli le tue tracce…

    … impronte indelebili nell'anima…

  23. platania ha detto:

    Semplicemente bellissima…
    Un abbraccio

  24. CristinaKhay ha detto:

    Tutti noi…cerchiamo il Ricordo…
    Anche chi è proiettato all'avvenire… insegue il Ricordo…
    Ri-cordo…ri-accordo….ri-accordarsi a tutte le nostre frequenze, i nostri Sè….
    Abbiamo paura perchè non ricordiamo…
    Ma è il nostro destino, quello di Ricordare…
    Un abbraccio Poeta 🙂

  25. katia1408 ha detto:

    Un dolce ^_^ per TE.

  26. unsogno ha detto:

    Una destinazione comunque,dove la vita continua….!
    una lirica stupenda'ricca di luci ed ombre,raccontata da un grade poeta,quale sei.Lorenzo….!
    con affetto^^
    giulia*

  27. live4free ha detto:

    E noi, spettatori più che protagonisti di ciò che il fato ci riserva..

  28. aishaa ha detto:

    le paure vanno affrontate e svaniranno 

  29. ventidiprimavera ha detto:

    Versi che celano ombre che rimbalzano
    in quel angolo acuto con la paura…

    Dolce notte carissimo Lorenzo
    Un abbraccio
    Michelle

  30. adelness ha detto:

    …una barca che si lascia andare nelle onde del destino…
    non bisogna averne paura …mai…

  31. LadyIsabelle ha detto:

    I tuoi versi mi ha lasciata letteralmente senza parole…
    Questo tuo incantevole antro custodisce ricchezze indescrivibili.
    Grazie, perché meraviglioso è immergersi nella tua Arte.

    un abbraccio,
    Isabelle

  32. mimosa49 ha detto:

    Buona giornata all'insegna della primavera!

  33. aishaa ha detto:

    un saluto e grazie per aver visitato il mio mondo 

  34. platania ha detto:

    Buon fine settimana
    Un abbraccio

  35. rossella1953 ha detto:

    Buona promavera, un bacio

  36. aishaa ha detto:

    Felice weekend 

  37. athenha ha detto:

    Una pagina di vita che diviene incanto allo scorrere dei versi, immagini si susseguono magiche sospinte dal tuo verseggiare, in un'atmosfera che nasconde l'inquietudine.
    Molto apprezzata!

  38. solesenzanuvole ha detto:

    Ciao Lorenzo buon fine setttimana, un abbraccio

  39. sognodiluce ha detto:

    Intensa, coivolgente trasudante emozioni da ogni verso sei un grande buon finessettimana Lorenzo con stima e affetto
    Carol

  40. Danysweet ha detto:

    Ciao passo per un saluto
    buona domenica
    a presto

    Il Micio

  41. dalloway66 ha detto:

    E da allora mi sono immerso nel Poema
    del Mare, intriso d’astri, e lattescente,
    divorando i verdiazzurri dove, relitto
    pallido e rapito, un pensoso annegato talvolta discende (…)
    (Rimbaud, Il battello ebbro)

    I tuoi versi evocano immagini suggestive… tra rollio e spruzzi salati, l'arrivo al porto della paura è destinazione per tutti ma… se lanci i dadi, allora la partita va in mano al Caso…
    un abbraccio

  42. aenge ha detto:

    Un viaggio ha senso solo senza ritorno se non in volo senza fermate nè confini.. solo orizzonti , splendidi versi Lorenzo.

    http://www.aenge.info/regalini/sett.swf

  43. Honissima ha detto:

    Un viaggio non è una partita in cui qualcuno vince o perde. Si parte, si va, si arrviva oppure, come nel gioco dell'oca,  si torna indietro o non si ritorna mai più. Non vinciamo noi, non vince lei, semmai qualcuno vince è la vita o…la morte. Un caro saluto.

  44. katia1408 ha detto:


    Un sereno pomeriggio con un dolce   (*_*)

  45. moraconpanna ha detto:

    tutto ciò che non si conosce incute terrore, la fine nostra è un baratro senza fondo che tu hai ben reso, Lorenzo.Buona giornata

  46. EmmaVittoria ha detto:

    Lorenzo.. fratello caro..
    tornare qui, è ritornare a casa, lasciandosi trasportare da quei venti
    sibillini e profumati che si erigono dai tuoi scritti.

    allora tutto ha un significato, trovando significati nascosti tra le
    tue parole.

    Grazie dei passaggi … ti stringo con l'affetto che sai…

  47. simonascudeller ha detto:

    Un bel viaggio questa descrizione di vita…
    Un parallelismo che rende l'idea di quanto sia difficile procedere e di quanto la vita offra a noi passeggeri di questa traversata.
    Una metafora elegante… 
    Dalle tempeste al liscio scivolare di correnti profonde, alla brezza lieve che trasporta” questa barca di vita”, è un viaggio in cui non esiste la metà, ma la volontà di provare e oltrepassare l’orizzonte di una speranza.
    In questo testo c'èl’esperienza e la capacità di cogliere le sfumature d’ombra. Un diario di bordo.
    Mi è venuto in mente l’estratto di uno splendido film, “Il settimo sigillo” che molto tempo fa hai postato, la partita a scacchi con la morte, affascinante gioco tra quella che è la signora suprema” LEI” e l’uomo che con la sua volontà, con la sua forza innata raccoglie e guadagna tempo in una partita persa ma combattuta.
    Pensiero come motore per avanzare….
    E la speranza, il viaggio, il percorso sta nell’intento di non chiudere mai quella partita, di giocarla oltre, sempre più oltre, di là del ponte che unisce i mari della vita eterna.
    Una poesia che va letta e riletta per assaporarne la sacralità dei significati.
    Tralascio i complimenti, mi sembrano superflui 😀
    Con profonda stima e affetto
    Simona

  48. solesenzanuvole ha detto:

    Ciao Lorenzo, buon fine settimana, un abbraccio

  49. Annelu ha detto:

    Scivola eros e sentimento percorendo strade dove la memoria ritrova i suoi framenti…
    Bisous 🙂

  50. cryothenia ha detto:

    ma scivolando fra i tuoi versi  la mia barca affonda sempre le paure e le alte onde

    E' molto bella.

    un abbraccio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...