Archivi categoria: inquietudine

…ungiti di te

Parlami del tuo dolore della tua angoscia di quando sei s’un ponte e non riesci a vedere l’altra sponda   di quando sei al tramonto e il cielo perde l’azzurro mentre il buio prende i tuoi occhi e non riesci … Continua a leggere

Pubblicato in conversazione amorosa, inquietudine, profumo di donna | 63 commenti

tracce di odore

Le strade s’intrecciano come pensieri sfumati in crocevia di dolore e di piacere è un fiume di piena che fluido scorre su alvei di ricordi e di sogni prendo per mano la storia seguendo l’odore di un libro stringo i … Continua a leggere

Pubblicato in inquietudine, riflessioni | 34 commenti

solitudine

in questa stanza bianca di silenzio odori di stoffe riposte al tempo pareti segnate di storie icone di umido ombreggiano i riflessi veli d’oblio sui tavoli di ebano nel soffitto un cielo di tela ramata uno sguardo in cerca di … Continua a leggere

Pubblicato in inquietudine | 28 commenti

Il viandante del tempo

  Un fruscio inquieto di foglie di acero, un vento caldo di pensieri blasfemi, la cornice di una notte a chiudere un sogno, sui quadranti d’oriente si disegna una nuova alba.   Passo dopo passo la mia strada si restringe, … Continua a leggere

Pubblicato in inquietudine, riflessioni, tracce nel tempo | 35 commenti

una storia da terminare

isola di pietra [tragedia di fiume] cornice di alvei dischiusi   sulla carena una terra sommersa serpente regalato dal mare a lenire un dolore di lacerata ferita   sull’albero la mia parola [bandiera al vento di ponente] ombreggia uno sguardo … Continua a leggere

Pubblicato in inquietudine, riflessioni | 58 commenti

sui confini dell’ombra

lampeggio d’angolo luce intermittente d’ un trivio di città   c’è silenzio tra le strade della notte   un respiro riempie quest’attesa e trascina al pensiero di domani   una stella segnala l’universo   nell’anima la certezza d’ essere uomo … Continua a leggere

Pubblicato in inquietudine, osservazione, riflessioni | 48 commenti

Tormento

Traccio una linea sul foglio bianco del mio… perché   -orizzonte sfumato-   Orme di confini fuggiti alla tempesta, prendo la marina sul vento di libeccio, un’ onda da seguire nel riflesso della luna.   Tra le stelle un chiodo … Continua a leggere

Pubblicato in inquietudine, osservazione, riflessioni | 50 commenti